RPM Garantie s.p.a.

Gestione della garanzia legale di conformità del tuo veicolo

Via della Repubblica n. 6
13900 Biella
+39 015 849 10 00
+39 015 8493302 [Fax]
Officine
Autorizzate
info@rpmgarantie.it
Contatta il nostro Staff

Introduzione della Certificazione del Chilometraggio attraverso la Revisione dell’Auto

Introduzione della Certificazione del Chilometraggio attraverso la Revisione dell'Auto
by

Con la circolare n. 26868 del 30 ottobre 2018, la Motorizzazione ha introdotto gli strumenti essenziali per limitare la pratica di diminuire i chilometri di una vettura, pratica che giova ribadirlo è illegale ma che ancora oggi viene utilizzata per poter vendere un’auto a un prezzo superiore.

La pratica di manomettere il contachilometri secondo la legge italiana integra il reato di frode in commercio, reato previsto dall’art. 515 del codice penale di conseguenza punito con la reclusione fino a tre anni e una multa non inferiore a 103 euro.

La circolare della Motorizzazione stabilisce quindi che l’ispettore, vale a dire il soggetto preposto ad eseguire la revisione dell’automobile, sarà tenuto a dar seguito ad una serie di controlli per poter accertare e certificare l’esatto chilometraggio di una vettura soggetta a revisione.

L’ispettore dovrà farsi consegnare dal proprietario del veicolo la carta di circolazione per poter insieme verificare, documentare, firmare e controfirmare il numero esatto di chilometri indicati dal quadro strumenti e quindi accettare e proseguire nella pratica della revisione. In caso quindi di dati chilometrici difformi rispetto a quanto riportato dalla precedente revisione, il proprietario sarà a questo punto chiamato a fornire adeguate spiegazioni pena il mancato rilascio dell’attestato di revisione volto a certificare il superamento della stessa revisione.

Anche in caso di sostituzione del quadro strumenti il proprietario del veicolo dovrà farsi rilasciare ad opera dell’officina l’idonea documentazione recante il chilometraggio riportato dallo strumento al momento della riparazione in quanto detto documento dovrà essere esibito dal proprietario del veicolo per giustificare il chilometraggio difforme al momento della revisione.

Appare pertanto evidente come la nuova circolare introduce la certificazione del chilometraggio e prevede un maggior coinvolgimento del proprietario del veicolo nella fase della revisione che risulta quindi essere più severa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *